Fecondazione eterologa: la donazione di sperma


In Italia dal 2014 è possibile ricorrere alla fecondazione eterologa. Ciò significa che si è aperta la possibilità per molte coppie di accedere a tecniche di fecondazione come l’ovodonazione o la donazione di sperma. In cosa consiste la donazione di sperma? Chi può richiederla e quali sono le caratteristiche indispensabili per poter donare?

7 anni fa, la Corte costituzionale, con la sentenza n. 162, si è espressa in favore della fecondazione eterologa, eliminando il precedente divieto stabilito dalla legge 40. Il 2014 è stato l’anno del via libera a metodiche di fecondazione con gameti donati come l’ovodonazione o la donazione di sperma nelle quali l’ovulo femminile o il seme maschile non appartengono ad uno dei futuri genitori del bambino, ma a una persona esterna alla coppia. Una rivoluzione significativa nel campo della fecondazione assistita che ha dato speranze a molte coppie che soffrono di sterilità.

La donazione di sperma

La donazione di sperma è una tecnica di fecondazione eterologa alla quale è possibile ricorrere in caso di infertilità maschile di grado severo. Lo sperma del donatore, dopo essere stato crioconservato per sei mesi e analizzato, viene utilizzato per fecondare l’ovulo mediante trattamenti di fecondazione assistita. La Società Italiana di Embriologia, Riproduzione e Ricerca (SIERR), in collaborazione con il Ministero della Salute, ha stabilito in maniera rigorosa delle linee guida 1 da seguire sul tema della donazione dello sperma, in particolare, quali debbano essere le caratteristiche che devono essere rispettate sia per i donatori che per i riceventi.

Le caratteristiche dei riceventi

In Italia, la fecondazione eterologa è permessa per le coppie maggiorenni e di sesso diverso con comprovata infertilità. Nel caso della donazione di sperma, l’infertilità è legata al partner maschile. Ne sono esempi i casi di azoospermia (totale assenza di spermatozoi nel liquido seminale), la criptospermia severa o l’oligospermia (ridotto numero di spermatozoi), situazioni di disfunzioni eiaculatorie e altre anomalie degli spermatozoi o del liquido seminale. Oltre a questi fattori, è possibile ricorrere alla donazione di sperma se le condizioni dell’uomo non consentano di fare ricorso all’utilizzo del proprio liquido seminale, ad esempio in caso di infezioni sessualmente trasmissibili in presenza di difetti genetici. Come indicato nell’ultima relazione al Parlamento sulla procreazione medicalmente assistita del 20222 – stilata a cura del Ministero della Salute – la quasi totalità (85,2%) dei 1.341 uomini che nel 2020 hanno fatto ricorso ad una donazione di seme, lo ha fatto per un’infertilità da “fattore maschile severo”, ossia una situazione dove gli spermatozoi sono di numero molto ridotto o con bassa mobilità o con una morfologia alterata.

Le caratteristiche dei donatori

Chi dona il proprio seme deve rispettare dei requisiti clinici e medici molto stringenti. I donatori devono essere sani, senza malattie ereditarie e malattie sessualmente trasmissibili o altre infezioni trasmissibili attraverso la donazione di gameti. Nell’analisi della storia medica, si effettua anche una valutazione sulla possibile esposizione recente a farmaci, radiazioni o condizioni ambientali a rischio per la tossicità riproduttiva, i donatori non devono avere nel loro passato storie di alcolismo o dipendenza da sostanze stupefacenti. Inoltre, viene esaminato il liquido seminale che deve rispettare dei parametri di qualità stabiliti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sotto il profilo della concentrazione, della motilità e del numero di spermatozoi. In Italia, la donazione di seme è gratuita e deve essere anonima (non deve essere possibile per il donatore risalire alla coppia ricevente e viceversa). Infine, i donatori non hanno il diritto di conoscere l’identità del bambino nato per mezzo di queste tecniche e viceversa. Per quanto riguarda l’età, i donatori devono essere maggiorenni (preferibilmente tra i 21 e i 40 anni)1.

I dati della fecondazione eterologa e della donazione di sperma

Continua a crescere la tendenza a ricorrere alla donazione di gameti, con numeri che nel 2019 salgono a 9686 cicli rappresentando il 9,8% dei cicli totali di PMA, mentre nel 2020 l’11,6% di tutti i cicli di trattamento di PMA di I, II e III livello sono stati effettuati grazie alla fecondazione eterologa2. La maggior parte dei gameti maschili esterni alla coppia vengono importati in Italia. In particolare, i dati indicano che nel 2020, Il 94,6% del seme donato proviene da banche estere (soprattutto Spagna, Danimarca e Grecia)2. L’Italia conta un numero esiguo di donatori perché nel nostro paese, al contrario di ciò che avviene altrove, la donazione del prezioso seme maschile deve essere un atto volontario e gratuito. Inoltre, l’informazione sull’importanza della donazione dei gameti è ancora molto scarsa.

 

Riferimenti bibliografici:

1 Linee Guida donazione di gameti – SIERR
2 Relazione PMA, 2022 Ministero della Salute

ALTRE NEWS


Sfatiamo le fake news sulla fertilità

Il tema della fertilità è caratterizzato da molti dubbi. Per questo motivo spesso i consigli di conoscenti, amici…

row left
post image
Covid-19 e PMA: i dati del Registro Nazionale

La riduzione media dell’attività nei centri di PMA è del 34,8% nel primo quadrimestre del 2020. Questo è…

row left
post image
Dati ISTAT sulla natalità: una fotografia dell’Italia che cambia

Gli ultimi dati ISTAT tratti dal Report Natalità 2020 dell’Istituto Nazionale di Statistica mettono in luce il calo…

row left
post image
Il vademecum della crioconservazione degli ovociti

L’età femminile governa la fertilità. La qualità degli ovociti si riduce al crescere dell’età; in particolare, dopo i…

row left
post image
Il ruolo dell’alimentazione nella fertilità

Le evidenze scientifiche indicano che i nutrienti svolgono un ruolo molto importante nella fertilità poiché possono influire sull’ovulazione,…

row left
post image
Funzionalità tiroidea e fertilità

Generalmente, quando si pensa al concepimento e alla gravidanza l’attenzione viene indirizzata verso ormoni quali estrogeni e progesterone….

row left
post image
Il ruolo dello sport nella fertilità

L’esercizio fisico rappresenta uno dei più validi alleati per la fertilità, sia maschile che femminile. Praticare sport e…

row left
post image
Social Freezing: preservare la fertilità oggi per essere mamma un domani

Oggi, la scelta di diventare mamma arriva sempre più tardi. Un crescente numero di donne, specialmente nei paesi…

row left
post image
Vaccini Covid-19 a mRNA: buone notizie per la fertilità maschile

La rapida approvazione dei vaccini anti Covid-19 a RNA messaggero è stata sin da subito accompagnata da timori…

row left
post image
Prevenzione e cura dell’infertilità, istituito un Tavolo tecnico al Ministero della Salute

Il problema della denatalità nel nostro paese sta diventando sempre più serio, come confermano i dati: “Più del…

row left
post image
Sindrome da iperstimolazione ovarica: una complicanza prevenibile e gestibile

La sindrome da iperstimolazione ovarica (SIO) è una complicanza legata alle terapie di induzione dell’ovulazione, comunemente utilizzate nei…

row left
post image
Telemedicina: una nuova prospettiva di assistenza sanitaria per la gestione della pma

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19 ha stimolato un’evoluzione culturale e tecnologica nel Sistema Sanitario Nazionale che…

row left
post image
Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza: le indicazioni SIRU

Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza sono di per sè due temi molto delicati. La Rete ci propone moltissime…

row left
post image
Covid-19 e gravidanza: rischio di trasmissione madre-figlio

L’epidemia da Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave-2 (SARS-CoV2), alias COVID-19 è iniziata a dicembre 2019. Tra le…

row left
post image
Avanzamenti delle tecnologie di riproduzione assistita

I progressi della medicina della fertilità e delle tecnologie di riproduzione assistita (ART, Assisted Reproductive Technologies) hanno compiuto…

row left
post image
COVID-19 e fertilità maschile: possibili effetti negativi

L’epidemia di COVID-19 ha posto numerose sfide critiche per la salute pubblica e individuale. Alcune sono legate ai…

row left