Italia, record europeo: papà per la prima volta, in media, a 36 anni


Un record europeo

L’Italia conquista un record europeo: l’età in cui si diventa padri per la prima volta è la più elevata del Continente. I più recenti dati ISTAT, infatti, indicano che in Italia si diventa papà mediamente a 35,8 anni, mentre in Francia a 33,9 anni e in Germania a 33,2. Un fenomeno sempre più frequente rispetto al passato, che riguarderebbe circa il 70% dei nuovi papà italiani: ciò significa che 1 uomo su 3 è ancora senza figli oltre i 36 anni d’età.

Questo dato mette in luce come la scelta della paternità venga rimandata in modo significativo rispetto al passato, quando si diventava genitori nell’età in cui oggigiorno si frequenta l’università. La tendenza a spostare nel futuro alcune tappe della vita adulta include anche l’accesso alla prima occupazione stabile, l’acquisto della prima casa e coinvolge in modo sostanziale anche le donne.

Le ragioni di una scelta di vita

Le ragioni dietro questa scelta possono essere molteplici:

  • Instabilità lavorativa: L’ingresso tardivo nel mondo del lavoro e la precarietà occupazionale spingono molti giovani adulti a posticipare progetti di vita come la paternità.
  • Difficoltà economiche: L’elevato costo della vita e le difficoltà ad accedere al mercato immobiliare contribuiscono al rinvio della decisione di avere figli.
  • Ricerca di stabilità affettiva e professionale: Molti aspiranti genitori preferiscono attendere di avere una situazione sentimentale e lavorativa consolidata prima di intraprendere il percorso della genitorialità.
  • Cambiamenti culturali: La visione della famiglia e della paternità è profondamente cambiata, con un maggior peso dato all’equilibrio tra vita privata e impegni lavorativi e un maggiore coinvolgimento dei padri nell’educazione dei figli.

Implicazioni della paternità in età avanzata

Se, da un lato, l’esperienza e la stabilità emotiva ed economica possono essere un vantaggio nel percorso genitoriale, dall’altro, la tendenza a ritardare la paternità non è priva di conseguenze.

La fertilità, infatti, ha il suo picco massimo tra i 20 e i 30 anni e, come ricordato recentemente anche dalla Società Italiana di Andrologia, la paternità ritardata dopo i 45 anni aumenta la probabilità di sviluppare problemi di salute a breve e lungo termine.

Numerose evidenze scientifiche indicano che le caratteristiche funzionali dello spermatozoo – motilità, morfologia e anche i danni al Dna – peggiorano con l’aumentare dell’età. A ciò si aggiunge che con l’età aumenta il tempo di esposizione agli inquinanti ambientali esterni, come le microplastiche, che hanno dimostrato essere un problema per la fertilità maschile.

Preservare la fertilità: un impegno prioritario

Avere figli in età più matura, quindi, può avere delle implicazioni importanti sulla fertilità, non solo per le donne ma anche per gli uomini.

Come suggeriscono gli esperti, è fondamentale sfatare il mito dell’uomo fertile a tutte le età e promuovere strategie di informazione, prevenzione e preservazione della fertilità maschile ed è bene iniziare in giovane età.

Di fronte a questa sfida, sempre più coppie si rivolgono alla procreazione medicalmente assistita. Questa scelta risponde non solo alla necessità di affrontare problemi di fertilità ma anche al desiderio di pianificare con maggiore precisione il momento della genitorialità.

Le tecniche di procreazione medicalmente assistita, dalla crioconservazione dei gameti alla fecondazione in vitro, offrono la possibilità di realizzare il sogno di diventare genitori, nonostante le difficoltà legate all’età.

Verso un futuro di sostegno e inclusione

L’età avanzata dei padri italiani è un fenomeno che riflette trasformazioni profonde nella società e nel concetto di famiglia. Affrontare le sfide connesse richiede un approccio olistico che consideri tutti gli aspetti della vita degli aspiranti genitori, dalla stabilità economica e lavorativa al sostegno emotivo e sociale, fino all’accesso alla procreazione medicalmente assistita.

Solo così sarà possibile garantire che la scelta della paternità, a qualsiasi età, possa essere vissuta come un percorso gioioso e inclusivo.

 

Fonti:

ALTRE NEWS


Marzo: il mese della consapevolezza sull’endometriosi

Marzo è il mese della consapevolezza sull’endometriosi, una patologia cronica invalidante che colpisce 1 donna su 10 in…

row left
post image
Fecondazione eterologa: come e quando dirlo ai figli

La fecondazione eterologa o, meglio, fecondazione con donazione di gameti, è un insieme di tecniche di procreazione medicalmente…

row left
post image
I 20 anni della Legge 40/2004 sulla fecondazione assistita

Il 19 febbraio 2024 ricorrono i vent’anni dalla promulgazione della Legge 40 del 2004, un traguardo significativo che…

row left
post image
Azoospermia e sterilità: facciamo chiarezza

L’azoospermia tempo fa era sinonimo di sterilità. Oggi non è più così, non sempre. Cos’è l’azoospermia L’azoospermia è…

row left
post image
Preservare la fertilità femminile con il social freezing

La crioconservazione degli ovociti (social freezing) è una tecnica ormai consolidata per preservare la fertilità. Fino a che…

row left
post image
La rinascita nel percorso di PMA

Intervista alla Dr.ssa Margherita Riccio, psicologa e psicoterapeuta Cosa si intende per rinascita nel percorso di PMA? La…

row left
post image
La resilienza nel percorso verso il concepimento

Intervista alla Dr.ssa Valentina Berruti, psicologa e psicoterapeuta La resilienza, da un punto di vista psicologico, è la…

row left
post image
PMA: l’inizio del percorso

La Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) è un percorso a tappe, ognuna delle quali richiede un impegno emotivo importante….

row left
post image
Attesa: l’attitudine che ci tiene vivi

Intervista alla Dr.ssa Francesca Forte, psicologa e psicoterapeuta “Attendere” letteralmente significa rivolgere l’animo verso qualcosa. Dunque, l’attesa incomincia…

row left
post image
La dieta mediterranea può aumentare la fertilità?

Un recente studio condotto da ricercatori australiani conferma che la dieta mediterranea può influenzare il concepimento e può…

row left
post image
Fertilità maschile: spermatozoi in calo del 50%

Dati globali riportano che la concentrazione di spermatozoi si è dimezzata in 40 anni e il tasso di…

row left
post image
Fecondazione eterologa: la donazione di sperma

In Italia dal 2014 è possibile ricorrere alla fecondazione eterologa. Ciò significa che si è aperta la possibilità…

row left
post image
Sfatiamo le fake news sulla fertilità

Il tema della fertilità è caratterizzato da molti dubbi. Per questo motivo spesso i consigli di conoscenti, amici…

row left
post image
Covid-19 e PMA: i dati del Registro Nazionale

La riduzione media dell’attività nei centri di PMA è del 34,8% nel primo quadrimestre del 2020. Questo è…

row left
post image
Dati ISTAT sulla natalità: una fotografia dell’Italia che cambia

Gli ultimi dati ISTAT tratti dal Report Natalità 2020 dell’Istituto Nazionale di Statistica mettono in luce il calo…

row left
post image
Il vademecum della crioconservazione degli ovociti

L’età femminile governa la fertilità e la qualità degli ovociti si riduce al crescere dell’età. In particolare, concepire…

row left
post image
Il ruolo dell’alimentazione nella fertilità

Le evidenze scientifiche indicano che i nutrienti svolgono un ruolo molto importante nella fertilità poiché possono influire sull’ovulazione,…

row left
post image
Funzionalità tiroidea e fertilità

Generalmente, quando si pensa al concepimento e alla gravidanza, l’attenzione va verso gli ormoni quali estrogeni e progesterone….

row left
post image
Il ruolo dello sport nella fertilità

L’esercizio fisico rappresenta uno dei più validi alleati per la fertilità, sia maschile che femminile. Praticare sport e…

row left
post image
Social Freezing: preservare la fertilità oggi per essere mamma un domani

Oggi, la scelta di diventare mamma arriva sempre più tardi. Un crescente numero di donne, specialmente nei paesi…

row left
post image
Vaccini Covid-19 a mRNA: buone notizie per la fertilità maschile

La rapida approvazione dei vaccini anti Covid-19 a RNA messaggero è stata sin da subito accompagnata da timori…

row left
post image
Prevenzione e cura dell’infertilità, istituito un Tavolo tecnico al Ministero della Salute

Il problema della denatalità nel nostro Paese sta diventando sempre più serio, come confermano i dati: “Più del…

row left
post image
Sindrome da iperstimolazione ovarica: una complicanza prevenibile e gestibile

La sindrome da iperstimolazione ovarica (SIO) è una complicanza legata alle terapie di induzione dell’ovulazione, comunemente utilizzate nei…

row left
post image
Telemedicina: una nuova prospettiva di assistenza sanitaria per la gestione della pma

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19 ha stimolato un’evoluzione culturale e tecnologica nel Sistema Sanitario Nazionale che…

row left
post image
Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza: le indicazioni SIRU

Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza sono di per sè due temi molto delicati. La Rete ci propone moltissime…

row left
post image
Covid-19 e gravidanza: rischio di trasmissione madre-figlio

L’epidemia da Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave-2 (SARS-CoV2), alias COVID-19 è iniziata a dicembre 2019. Tra le…

row left
post image
Avanzamenti delle tecnologie di riproduzione assistita

I progressi della medicina della fertilità e delle tecnologie di riproduzione assistita (ART, Assisted Reproductive Technologies) hanno compiuto…

row left
post image
COVID-19 e fertilità maschile: possibili effetti negativi

L’epidemia di COVID-19 ha posto numerose sfide critiche per la salute pubblica e individuale. Alcune sono legate ai…

row left