Fertilità maschile: spermatozoi in calo del 50%


Dati globali riportano che la concentrazione di spermatozoi si è dimezzata in 40 anni e il tasso di declino è maggiore soprattutto negli ultimi anni.

L’infertilità maschile

La fertilità maschile è drasticamente in calo. Nel Registro Nazionale sulla Procreazione Medicalmente Assistita dell’Istituto Superiore di Sanità, pubblicato lo scorso ottobre, viene riportato che tra le coppie in Italia che si sono rivolte ai centri specializzati per avere un figlio nel 2020, il 20,3% lo ha fatto a causa di una motivazione legata all’infertilità maschile (1). Si parla di “infertilità maschile”, quando è basso il numero degli spermatozoi sani o quando si hanno problemi con la funzionalità spermatica tali da rendere difficile la fecondazione dell’ovocita .

Lo studio

Gli uomini hanno sempre meno spermatozoi. È quanto emerge da una metanalisi pubblicata su Human Reproduction Update (2) e condotta su dati raccolti in 53 Paesi di tutti i continenti. La concentrazione di spermatozoi per millilitro di sperma è diminuita di oltre il 50% negli ultimi 50 anni e il calo maggiore si è visto negli ultimi 20 anni, con un tasso annuo del 2,64% dal 2000 (contro il -1,16% dal 1972).

Lo studio ha confrontato i risultati di 223 ricerche condotte dal 1973 al 2018, mettendo in luce un notevole diminuzione nella concentrazione spermatica per ml che è passata da 101,2 milioni di spermatozoi per ml nel 1973 a 49 milioni per ml nel 2018, un declino del 51,6%.

Le cause

Nonostante non sia chiaro cosa potrebbe esserci dietro la tendenza mostrata dall’ampia analisi, un’ipotesi è che le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino o stili di vita errati possano svolgere un ruolo negativo sulla fertilità maschile. Fattori come il fumo, il bere, l’obesità e una cattiva alimentazione potrebbero avere un impatto negativo sulla conta spermatica.

I consigli per proteggere la fertilità

Negli uomini, specie quelli più giovani, non esiste una forte sensibilità alla propria fertilità, ma è bene sapere che uno stile di vita sano aiuta a preservarla. Di seguito, vengono riportati i consigli dell’Istituto Superiore di Sanità per proteggere la fertilità maschile (3).

Non fumare

Il fumo danneggia gli spermatozoi. Quante più sigarette si fumano, tanto più diminuiscono gli spermatozoi (nei forti fumatori il calo è del 22%), essi sono meno vitali e cresce il rischio di danni al DNA.

Attenzione alle infezioni

Le infezioni da virus o batteri possono causare alterazioni degli organi dell’apparato genitale maschile come l’uretra, la prostata, l’epididimo, il didimo. Possono provocare inoltre l’ostruzione dei dotti che portano il liquido seminale dall’epididimo al pene, ostacolandone la fuoriuscita.

Attenzione all’alcol

L’alcol danneggia sia la produzione che la qualità degli spermatozoi. Sono stati osservati danni al liquido seminale sia per quanto riguarda la concentrazione sia per la loro motilità, vitalità e struttura, con un aumento di danni irreversibili alla coda e una riduzione della capacità di fecondazione.

No agli steroidi anabolizzanti

Gli steroidi anabolizzanti sono derivati sintetici del testosterone, modificati allo scopo di stimolare la produzione di proteine per aumentare la forza e la massa muscolare. Ma, gli anabolizzanti, se usati ad alte dosi e per molto tempo, hanno effetti collaterali gravi sia di tipo fisico che psichico. Infatti, a causa degli alti livelli di testosterone nel sangue dovuti all’assunzione, si blocca la produzione endogena dell’ormone maschile.

Attenzione al caldo

Gli spermatozoi sono molto sensibili al caldo: è per questo motivo che i testicoli sono posti al di fuori del corpo, nello scroto. Spesso però le condizioni lavorative e di vita espongono lo scroto a temperature che, anche se apparentemente non alte, sono sufficienti a danneggiare gli spermatozoi, soprattutto se protratte per un lungo periodo.

 

Bibliografia

1 Relazione PMA, 2022 Ministero della Salute

2 Hagai Levine et al. Temporal trends in sperm count: a systematic review and meta-regression analysis of samples collected globally in the 20th and 21st centuries, Human Reproduction Update, 2022;, dmac035, https://doi.org/10.1093/humupd/dmac035

3 Buoni consigli per gli uomini per proteggere la fertilità- ISS

ALTRE NEWS


Fecondazione eterologa: la donazione di sperma

In Italia dal 2014 è possibile ricorrere alla fecondazione eterologa. Ciò significa che si è aperta la possibilità…

row left
post image
Sfatiamo le fake news sulla fertilità

Il tema della fertilità è caratterizzato da molti dubbi. Per questo motivo spesso i consigli di conoscenti, amici…

row left
post image
Covid-19 e PMA: i dati del Registro Nazionale

La riduzione media dell’attività nei centri di PMA è del 34,8% nel primo quadrimestre del 2020. Questo è…

row left
post image
Dati ISTAT sulla natalità: una fotografia dell’Italia che cambia

Gli ultimi dati ISTAT tratti dal Report Natalità 2020 dell’Istituto Nazionale di Statistica mettono in luce il calo…

row left
post image
Il vademecum della crioconservazione degli ovociti

L’età femminile governa la fertilità. La qualità degli ovociti si riduce al crescere dell’età; in particolare, dopo i…

row left
post image
Il ruolo dell’alimentazione nella fertilità

Le evidenze scientifiche indicano che i nutrienti svolgono un ruolo molto importante nella fertilità poiché possono influire sull’ovulazione,…

row left
post image
Funzionalità tiroidea e fertilità

Generalmente, quando si pensa al concepimento e alla gravidanza l’attenzione viene indirizzata verso ormoni quali estrogeni e progesterone….

row left
post image
Il ruolo dello sport nella fertilità

L’esercizio fisico rappresenta uno dei più validi alleati per la fertilità, sia maschile che femminile. Praticare sport e…

row left
post image
Social Freezing: preservare la fertilità oggi per essere mamma un domani

Oggi, la scelta di diventare mamma arriva sempre più tardi. Un crescente numero di donne, specialmente nei paesi…

row left
post image
Vaccini Covid-19 a mRNA: buone notizie per la fertilità maschile

La rapida approvazione dei vaccini anti Covid-19 a RNA messaggero è stata sin da subito accompagnata da timori…

row left
post image
Prevenzione e cura dell’infertilità, istituito un Tavolo tecnico al Ministero della Salute

Il problema della denatalità nel nostro paese sta diventando sempre più serio, come confermano i dati: “Più del…

row left
post image
Sindrome da iperstimolazione ovarica: una complicanza prevenibile e gestibile

La sindrome da iperstimolazione ovarica (SIO) è una complicanza legata alle terapie di induzione dell’ovulazione, comunemente utilizzate nei…

row left
post image
Telemedicina: una nuova prospettiva di assistenza sanitaria per la gestione della pma

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19 ha stimolato un’evoluzione culturale e tecnologica nel Sistema Sanitario Nazionale che…

row left
post image
Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza: le indicazioni SIRU

Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza sono di per sè due temi molto delicati. La Rete ci propone moltissime…

row left
post image
Covid-19 e gravidanza: rischio di trasmissione madre-figlio

L’epidemia da Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave-2 (SARS-CoV2), alias COVID-19 è iniziata a dicembre 2019. Tra le…

row left
post image
Avanzamenti delle tecnologie di riproduzione assistita

I progressi della medicina della fertilità e delle tecnologie di riproduzione assistita (ART, Assisted Reproductive Technologies) hanno compiuto…

row left
post image
COVID-19 e fertilità maschile: possibili effetti negativi

L’epidemia di COVID-19 ha posto numerose sfide critiche per la salute pubblica e individuale. Alcune sono legate ai…

row left