Il ruolo dello sport nella fertilità


L’esercizio fisico rappresenta uno dei più validi alleati per la fertilità, sia maschile che femminile. Praticare sport e mantenersi fisicamente attivi riduce i livelli di stress, migliora il tono dell’umore e il livello di benessere, aiutando a controllare il peso e a mantenere vitale l’organismo.

Vantaggi della pratica sportiva regolare per la fertilità

Numerosi studi hanno dimostrato come l’attività fisica sia in grado di ridurre i fattori di rischio cardiovascolare, regolando i livelli ormonali e la funzione di tutto l’apparato riproduttivo maschile e femminile. Questi benefici includono una diminuzione del grasso addominale, della glicemia, del livello di lipidi nel sangue e della resistenza all’insulina.

Un programma di allenamento regolare ed equilibrato contribuisce a:

• migliorare la circolazione, favorendo il tono muscolare e l’ossigenazione a livello cellulare;

• regolare l’equilibrio ormonale, regolando il ritmo veglia/sonno e il ciclo ovarico;

• ridurre lo stress, sostenendo il tono dell’umore e minimizzando i livelli di cortisolo, ormone che influenza negativamente la fertilità sia maschile sia femminile;

– aumentare i livelli delle endorfine. Studi recenti hanno dimostrato che, subito dopo l’esercizio fisico, il livello di endorfine nel sangue aumenta notevolmente. Queste agiscono in maniera esattamente opposta al cortisolo, contrastando ansia, depressione e favorendo il concepimento.

Esercizio fisico e fertilità femminile

Nelle donne, l’attività fisica di moderata intensità ha effetti positivi sulla fertilità, regolando il ciclo ovarico, diminuendo i livelli di testosterone, incrementando la globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) e riducendo il rischio di aborti spontanei.

L’attività fisica regolare può migliorare anche la fertilità nelle donne in sovrappeso e con ovaio policistico, aumentando la frequenza dell’ovulazione, regolarizzando il ciclo mestruale e aumentando la possibilità di concepire.

Esercizio fisico e fertilità maschile

Sebbene l’infertilità maschile abbia generalmente cause piuttosto complesse, obesità e vita sedentaria rappresentano due importanti fattori che possono influenzare la qualità dello sperma. L’esercizio fisico regolare può infatti aiutare a perdere peso o rimanere nella forma fisica ideale, migliorando quantità, morfologia e motilità degli spermatozoi. Tuttavia, già dopo una settimana dalla sospensione dell’attività fisica, la qualità dello sperma tende a ritornare ai livelli iniziali: questo conferma i benefici che l’esercizio fisico regolare può avere nei confronti della fertilità maschile.

Quanto e quale esercizio fare?

Non è strettamente necessario fare attività in palestra: l’importante è praticare un qualsiasi esercizio fisico capace di aumentare l’attività cardiaca, la frequenza respiratoria e che possa far riscaldare l’organismo. Camminare a passo sostenuto, ad esempio, è a tutti gli effetti un’attività fisica di grado moderato. Altri esempi possono essere rappresentati da jogging, corsa, aerobica, tennis, yoga, pilates oppure esercizi di rafforzamento muscolare (pesi, bande di resistenza elastiche, flessioni, spinning).

Se si pratica già abitualmente attività fisica sarà sufficiente continuare gli allenamenti in modo consueto. In caso di vita particolarmente sedentaria è consigliabile, invece, incrementare l’attività e il movimento, cercando però di fare tutto con gradualità in modo da consentire un fisiologico adattamento dell’organismo.

Generalmente vengono suggeriti almeno 150 minuti di attività aerobica moderata alla settimana, associati a due allenamenti di potenziamento muscolare più intensi. È tuttavia possibile trovare molte occasioni, nella quotidianità, per muoversi e fare attività fisica, così che la fertilità maschile e femminile possano beneficiarne a pieno. Ecco alcuni semplici consigli utili per incrementare l’attività fisica, giorno dopo giorno:

• Riduci al minimo il tempo che trascorri a sedere;

• Se puoi, vai al lavoro a piedi;

• Se usi l’autobus non sederti e scendi una fermata prima;

• Usa le scale, non gli ascensori;

• Utilizza App dedicate per mantenerti in forma, anche a casa. Un contapassi, ad esempio, può farti capire quanto movimento fai, gratificandoti e motivandoti a fare di più;

• Fai passeggiate, ogni volta che puoi.

Mantenersi in forma non è solo una questione di linea: significa avere a cuore il proprio benessere, prendendosi cura di se stessi e della propria capacità riproduttiva.

 

Fonte:

Sansone A, Sansone M, Vaamonde D, et al. Sport, doping and male fertility. Reprod Biol Endocrinol. 2018 Nov 12;16(1):114.

Seeber B, Böttcher B, D’Costa E, Wildt L. Opioids and reproduction. Vitam Horm. 2019;111:247-279.

Hakimi O, Luiz-Claudio Cameron LC. Effect of Exercise on Ovulation: A Systematic Review. Sports Med. 2017 Aug;47(8):1555-1567

Maleki BH, Tartibian B, Chehrazi M. The effects of three different exercise modalities on markers of male reproduction in healthy subjects: a randomized controlled trial. Reproduction. 2017 Feb;153(2):157-174. doi: 10.1530/REP-16-0318.

ALTRE NEWS


Covid-19 e PMA: i dati del Registro Nazionale

La riduzione media dell’attività nei centri di PMA è del 34,8% nel primo quadrimestre del 2020. Questo è…

row left
post image
Dati ISTAT sulla natalità: una fotografia dell’Italia che cambia

Gli ultimi dati ISTAT tratti dal Report Natalità 2020 dell’Istituto Nazionale di Statistica mettono in luce il calo…

row left
post image
Il vademecum della crioconservazione degli ovociti

L’età femminile governa la fertilità. La qualità degli ovociti si riduce al crescere dell’età; in particolare, dopo i…

row left
post image
Il ruolo dell’alimentazione nella fertilità

Le evidenze scientifiche indicano che i nutrienti svolgono un ruolo molto importante nella fertilità poiché possono influire sull’ovulazione,…

row left
post image
Funzionalità tiroidea e fertilità

Generalmente, quando si pensa al concepimento e alla gravidanza l’attenzione viene indirizzata verso ormoni quali estrogeni e progesterone….

row left
post image
Social Freezing: preservare la fertilità oggi per essere mamma un domani

Oggi, la scelta di diventare mamma arriva sempre più tardi. Un crescente numero di donne, specialmente nei paesi…

row left
post image
Vaccini Covid-19 a mRNA: buone notizie per la fertilità maschile

La rapida approvazione dei vaccini anti Covid-19 a RNA messaggero è stata sin da subito accompagnata da timori…

row left
post image
Prevenzione e cura dell’infertilità, istituito un Tavolo tecnico al Ministero della Salute

Il problema della denatalità nel nostro paese sta diventando sempre più serio, come confermano i dati: “Più del…

row left
post image
Sindrome da iperstimolazione ovarica: una complicanza prevenibile e gestibile

La sindrome da iperstimolazione ovarica (SIO) è una complicanza legata alle terapie di induzione dell’ovulazione, comunemente utilizzate nei…

row left
post image
Telemedicina: una nuova prospettiva di assistenza sanitaria per la gestione della pma

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19 ha stimolato un’evoluzione culturale e tecnologica nel Sistema Sanitario Nazionale che…

row left
post image
Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza: le indicazioni SIRU

Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza sono di per sè due temi molto delicati. La Rete ci propone moltissime…

row left
post image
Covid-19 e gravidanza: rischio di trasmissione madre-figlio

L’epidemia da Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave-2 (SARS-CoV2), alias COVID-19 è iniziata a dicembre 2019. Tra le…

row left
post image
Avanzamenti delle tecnologie di riproduzione assistita

I progressi della medicina della fertilità e delle tecnologie di riproduzione assistita (ART, Assisted Reproductive Technologies) hanno compiuto…

row left
post image
COVID-19 e fertilità maschile: possibili effetti negativi

L’epidemia di COVID-19 ha posto numerose sfide critiche per la salute pubblica e individuale. Alcune sono legate ai…

row left