COVID-19 e fertilità maschile: possibili effetti negativi


L’epidemia di COVID-19 ha posto numerose sfide critiche per la salute pubblica e individuale. Alcune sono legate ai possibili effetti negativi del coronavirus SARS-CoV2 sulla salute riproduttiva maschile. Altre riguardano la possibilità che tra le potenziali modalità di trasmissione dell’infezione vi sia quella sessuale. Inoltre, alcuni ipotizzano che l’epidemia di COVID-19 possa avere un impatto sulla fertilità in tutto il mondo. Va sottolineato che, al momento attuale, non è noto se o in quale misura il virus SARS-CoV2 possa influire sulla salute riproduttiva maschile.

COVID-19: da malattia respiratoria a malattia generale

Inizialmente la COVID-19 fu identificata come una malattia respiratoria. Attualmente, invece, si ritiene che possa interessare diversi apparati, incluso quello riproduttivo, soprattutto maschile.
Gli autori di un articolo pubblicato recentemente su JBRA Assisted Reproduction riassumono i possibili punti di “attacco” del coronavirus sull’apparato genitale maschile, in base alle attuali conoscenze scientifiche.

In generale

L’infezione COVID-19 viene contratta principalmente attraverso le goccioline di saliva. Tuttavia, il coronavirus responsabile è stato isolato anche nelle urine, nelle feci e nelle lacrime dei pazienti infetti. Infatti, grazie al suo meccanismo d’azione (si lega a un recettore delle cellule, chiamato ACE2), il coronavirus può colpire qualsiasi tessuto che presenti determinati recettori (ACE2), inclusi quelli del sistema riproduttivo.
In particolare, livelli elevati di espressione di ACE2 si trovano nelle cellule dei testicoli (con particolare riferimento a quelle da cui originano gli spermatozoi e ad altre cellule che ne supportano la vitalità).

Testicolo

Gli studi sulla precedente epidemia di SARS-CoV-1 (avvenuta nel 2002-2003) avevano rivelato che tra le possibili presentazioni cliniche della malattia vi poteva essere l’orchite, ovvero l’infiammazione dei testicoli. A tale riguardo erano state rilevate prove di effetti deleteri sui tessuti testicolari, inclusa la presenza del virus nei testicoli stessi. Il virus SARS-CoV-1 ha in comune con quello SARS-CoV-2 il meccanismo di legame con i recettori cellulari ACE2, che – come già detto – sono abbondantemente presenti a livello dei testicoli. È pertanto logico supporre che il testicolo sia un organo particolarmente vulnerabile anche all’infezione da SARS-CoV-2, quindi è stato considerato importante valutare e monitorare le funzioni riproduttive degli uomini colpiti da questa infezione.
Attualmente i dati sono controversi. Sappiamo infatti che la presenza di orchite è stata riscontrata nel 19% dei pazienti colpiti da SARS-CoV-2. Tuttavia, un recente studio ha mostrato una completa assenza di SARS-COV-2 nel liquido seminale e nei testicoli di persone infette. Sono ovviamente necessari ulteriori studi per verificare questi aspetti.

Prostata

Esiste attualmente solo un piccolo studio che ha valutato la possibile presenza di SARS-CoV-2 nella secrezione prostatica. Lo studio, svolto in Cina su 18 maschi con diagnosi di COVID-19 e su 5 casi sospetti, non ha rilevato materiale genetico virale in alcun campione di tutti i pazienti valutati.

Liquido seminale

Molti virus possono essere trasmessi tramite lo sperma o ritrovati in esso. Questo accade nonostante esista una sorta di “barriera” di protezione nel passaggio da sangue a testicoli. Ciò vale, per esempio, per quelli dell’immunodeficienza umana (HIV), della parotite, dell’influenza, dell’epatite B e C. Gli studi finora effettuati sul coronavirus della COVID-19 hanno dato risultati differenti: 2 studi (con basso numero di pazienti, in diversi stadi di infezione) non hanno rilevato tracce di SARS-CoV-2 nello sperma, un terzo studio ha invece rilevato il virus SARS-CoV-2 in 6 (15,8%) di 38 pazienti con COVID-19. Tuttavia, tale studio non è stato in grado di valutare diffusione, tempo di sopravvivenza e concentrazione del virus nello sperma. Questo studio ha comunque sollevato l’ipotesi che il virus SARS-CoV-2 possa essere trasmesso sessualmente. A supporto di questa teoria, un altro recente studio (maggio 2020), su campioni di sperma di 84 pazienti COVID-19, ha identificato il SARS-CoV-2 in 6 casi (7,1%).
Non esistono comunque dati sui cambiamenti della potenziale fertilità degli uomini colpiti da COVID-19, sebbene sia noto che qualsiasi condizione febbrile possa essere in grado di alterare la qualità del liquido seminale.

Ormoni maschili

In alcuni pazienti è stata effettuata una valutazione della funzione dei testicoli di produzione di ormoni maschili. Rispetto ai pazienti sani, quelli infettati hanno mostrato un probabile effetto sui testicoli che potrebbe interferire con la produzione di ormoni maschili. Sono tuttavia necessari ulteriori studi per confermare questo effetto.

Conclusioni

Esiste la possibilità teorica che l’infezione da COVID-19 possa causare un danno ai testicoli e una conseguente ridotta fertilità. Inoltre, è plausibile l’ipotesi di trasmissione sessuale, poiché il virus SARS-CoV-2 è stato identificato nel liquido seminale di pazienti infetti. Tuttavia, i dati disponibili sono basati su studi di piccole dimensioni e presentano informazioni contrastanti. Pertanto, attualmente non esistono prove sufficienti per supportare l’indicazione che le coppie asintomatiche evitino i rapporti sessuali per proteggersi dalla trasmissione del virus. Inoltre, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il possibile impatto a lungo termine dell’infezione da SARS-CoV2 sulla funzione riproduttiva maschile, compresi i potenziali effetti su fertilità e funzione ormonale testicolare.

Fraietta R, Pasqualotto FF, Roque M, Taitson PF. SARS-COV-2 and Male Reproductive Health. JBRA Assist Reprod 2020;24(3):347-350.

 

 

 

 

 

ALTRE NEWS


Il ruolo dell’alimentazione nella fertilità

Le evidenze scientifiche indicano che i nutrienti svolgono un ruolo molto importante nella fertilità poiché possono influire sull’ovulazione,…

row left
post image
Funzionalità tiroidea e fertilità

Generalmente, quando si pensa al concepimento e alla gravidanza l’attenzione viene indirizzata verso ormoni quali estrogeni e progesterone….

row left
post image
Il ruolo dello sport nella fertilità

L’esercizio fisico rappresenta uno dei più validi alleati per la fertilità, sia maschile che femminile. Praticare sport e…

row left
post image
Social Freezing: preservare la fertilità oggi per essere mamma un domani

Oggi, la scelta di diventare mamma arriva sempre più tardi. Un crescente numero di donne, specialmente nei paesi…

row left
post image
Vaccini Covid-19 a mRNA: buone notizie per la fertilità maschile

La rapida approvazione dei vaccini anti Covid-19 a RNA messaggero è stata sin da subito accompagnata da timori…

row left
post image
Prevenzione e cura dell’infertilità, istituito un Tavolo tecnico al Ministero della Salute

Il problema della denatalità nel nostro paese sta diventando sempre più serio, come confermano i dati: “Più del…

row left
post image
Sindrome da iperstimolazione ovarica: una complicanza prevenibile e gestibile

La sindrome da iperstimolazione ovarica (SIO) è una complicanza legata alle terapie di induzione dell’ovulazione, comunemente utilizzate nei…

row left
post image
Telemedicina: una nuova prospettiva di assistenza sanitaria per la gestione della pma

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19 ha stimolato un’evoluzione culturale e tecnologica nel Sistema Sanitario Nazionale che…

row left
post image
Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza: le indicazioni SIRU

Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza sono di per sè due temi molto delicati. La Rete ci propone moltissime…

row left
post image
Covid-19 e gravidanza: rischio di trasmissione madre-figlio

L’epidemia da Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave-2 (SARS-CoV2), alias COVID-19 è iniziata a dicembre 2019. Tra le…

row left
post image
Avanzamenti delle tecnologie di riproduzione assistita

I progressi della medicina della fertilità e delle tecnologie di riproduzione assistita (ART, Assisted Reproductive Technologies) hanno compiuto…

row left