Avanzamenti delle tecnologie di riproduzione assistita


I progressi della medicina della fertilità e delle tecnologie di riproduzione assistita (ART, Assisted Reproductive Technologies) hanno compiuto passi da gigante negli ultimi decenni, consentendo a sempre più coppie di realizzare il sogno di diventare genitori. Di fatto, le procedure come la fecondazione eterologa e il congelamento degli ovociti sono in aumento in tutto il mondo. Per esempio, il ricorso a quest’ultima metodica negli Stati Uniti ha avuto un incremento di quasi 15 volte negli ultimi sette anni. Per quanto riguarda l’Europa, una direttiva dell’Unione Europea (UE) ha fissato alcuni standard relativi all’uso di tessuti e cellule umane, ma tutte le questioni etiche e legali sulla ART sono ancora nel margine di discrezionalità a cui hanno diritto gli Stati membri dell’UE e sono quindi una prerogativa della legislazione dei singoli Paesi.
Come dato complessivo, nel 2015, in tutta Europa, sono 157.500 i bambini nati tramite ART.

Scenario europeo a scacchi

In Europa, le normative nazionali variano da quelle più permissive a quelle relativamente più rigide. Non solo, alcuni Paesi non hanno nemmeno una legislazione mirata e la procreazione medicalmente assistita è regolata dalle sole norme sanitarie generali.
In Francia, solo le coppie eterosessuali con infertilità medica o altre gravi condizioni che inducano infertilità possono richiedere trattamenti ART. La Spagna, invece, è stato il primo Paese europeo a consentire l’accesso alla ART a tutte le donne, nel 1977. Nello stesso anno è stata aperta anche la prima banca del seme.
In ogni caso, negli ultimi 15 anni le varie legislazioni hanno presentato rapide evoluzioni. Per esempio, il Portogallo, che aveva reso disponibile l’ART nel 2006 con condizioni molto simili a quelle della Francia, nel 2016 ha modificato la propria legislazione, per consentire anche alle coppie lesbiche e alle donne single di beneficiare dell’ART.

Cosa succede in Italia

L’Italia ha stabilito i propri standard legali nel 2004, adottando le leggi più severe d’Europa, rendendo così l’ART disponibile solo per le coppie eterosessuali, sposate o no; nel contempo era vietata la donazione di sperma. Tale legislazione ha tuttavia presentato notevoli difetti in termini di fattibilità costituzionale; la Corte costituzionale italiana ha infatti emesso diverse sentenze al riguardo, così come la Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2012, determinando, nell’aprile 2014, la cessazione del divieto alla fecondazione eterologa in Italia. Inoltre, il Codice Etico Medico Italiano ha sancito una serie di standard per la procreazione medicalmente assistita, all’articolo 44, che riflette l’evoluzione giuridica della giurisprudenza italiana nel corso degli anni.

Il turismo della fertilità

Sono molte le coppie eterosessuali e omosessuali, come pure donne e uomini single, che vogliono avere una prole. Spesso si rivolgono a cliniche e agenzie per trovare “donatori” di gameti o servizi gestazionali, di solito in cambio di un compenso economico. I residenti in Italia, o in Paesi in cui tali pratiche sono vietate, spesso si rivolgono al “turismo della fertilità”, ovvero si recano in Paesi in cui l’ART è legalmente disponibile. Questo è un aspetto di per sé eticamente controverso, perché presuppone che chi è ricco possa contravvenire alle regole del proprio Paese.

L’anonimato del donatore

Un’altra questione critica è l’anonimato del donatore, richiesto per legge nella maggior parte dei Paesi. Anche questa norma, infatti, appare in conflitto con il diritto dei bambini concepiti da donatori di conoscere le proprie origini biologiche.
Secondo una recente indagine sugli statuti e sugli approcci legislativi europei, la rigorosità dell’anonimato è ancora presente in 18 Paesi, sebbene in 5 di essi la divulgazione dell’identità del donatore sia possibile in caso di gravi condizioni di salute del bambino nato da donatore.

 

Negro F, Varone MC, Del Rio A. Advances in Medically-assisted procreation technologies: can malpractice claims and “reproductive damage” be identified. Clin Ter 2020;171(3):e225-e228.

ALTRE NEWS


Covid-19 e PMA: i dati del Registro Nazionale

La riduzione media dell’attività nei centri di PMA è del 34,8% nel primo quadrimestre del 2020. Questo è…

row left
post image
Dati ISTAT sulla natalità: una fotografia dell’Italia che cambia

Gli ultimi dati ISTAT tratti dal Report Natalità 2020 dell’Istituto Nazionale di Statistica mettono in luce il calo…

row left
post image
Il vademecum della crioconservazione degli ovociti

L’età femminile governa la fertilità. La qualità degli ovociti si riduce al crescere dell’età; in particolare, dopo i…

row left
post image
Il ruolo dell’alimentazione nella fertilità

Le evidenze scientifiche indicano che i nutrienti svolgono un ruolo molto importante nella fertilità poiché possono influire sull’ovulazione,…

row left
post image
Funzionalità tiroidea e fertilità

Generalmente, quando si pensa al concepimento e alla gravidanza l’attenzione viene indirizzata verso ormoni quali estrogeni e progesterone….

row left
post image
Il ruolo dello sport nella fertilità

L’esercizio fisico rappresenta uno dei più validi alleati per la fertilità, sia maschile che femminile. Praticare sport e…

row left
post image
Social Freezing: preservare la fertilità oggi per essere mamma un domani

Oggi, la scelta di diventare mamma arriva sempre più tardi. Un crescente numero di donne, specialmente nei paesi…

row left
post image
Vaccini Covid-19 a mRNA: buone notizie per la fertilità maschile

La rapida approvazione dei vaccini anti Covid-19 a RNA messaggero è stata sin da subito accompagnata da timori…

row left
post image
Prevenzione e cura dell’infertilità, istituito un Tavolo tecnico al Ministero della Salute

Il problema della denatalità nel nostro paese sta diventando sempre più serio, come confermano i dati: “Più del…

row left
post image
Sindrome da iperstimolazione ovarica: una complicanza prevenibile e gestibile

La sindrome da iperstimolazione ovarica (SIO) è una complicanza legata alle terapie di induzione dell’ovulazione, comunemente utilizzate nei…

row left
post image
Telemedicina: una nuova prospettiva di assistenza sanitaria per la gestione della pma

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia da Covid-19 ha stimolato un’evoluzione culturale e tecnologica nel Sistema Sanitario Nazionale che…

row left
post image
Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza: le indicazioni SIRU

Vaccinazione anti COVID-19 e gravidanza sono di per sè due temi molto delicati. La Rete ci propone moltissime…

row left
post image
Covid-19 e gravidanza: rischio di trasmissione madre-figlio

L’epidemia da Coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave-2 (SARS-CoV2), alias COVID-19 è iniziata a dicembre 2019. Tra le…

row left
post image
COVID-19 e fertilità maschile: possibili effetti negativi

L’epidemia di COVID-19 ha posto numerose sfide critiche per la salute pubblica e individuale. Alcune sono legate ai…

row left